Caricamento...

Scavi di Oplontis


Tra le località archeologiche vesuviane, seppellite a seguito della drammatica eruzione del 79 d.C. Oplontis è probabilmente quella che offre le più significative testimonianze monumentali del suburbio pompeiano. In antico la villa era affacciata a picco sul mare in posizione panoramica ed era dotata di splendidi apparati decorativi di cui si conservano eccezionali testimonianze. Potrebbe essere appartenuta a Poppaea Sabina, seconda moglie dell’imperatore Nerone, o al patrimonio della sua famiglia, in base alla testimonianza di un’iscrizione dipinta su un’anfora menzionante Sucundus, un suo schiavo o liberto.

VISITA GUIDATA  

Saltate le lunghe code per entrare nel sito UNESCO di Oplontis, scoprite i bellissimi affreschi della villa imperiale, gli oggetti d'arte ed uso quotidiano dei tempi dell'antica Roma esposti al museo dell'Antiquarium, così da diventare protagonisti della vita dell'epoca.

 

Vedi mappa