Caricamento...
  • Home
  • Vesuvius Campania Felix

Vesuvius Campania Felix

 “VESUVIUS CAMPANIA FELIX”

Il concept si prefigge l'obiettivo di promuovere il Patrimonio Archeologico e Museale del territorio Vesuviano, nell’ambito del concorso di idee per il rilancio della cosiddetta Buffer Zone Unesco (Pompei, Ercolano, Boscoreale, Boscotrecase, Castellammare di Stabia, Torre Annunziata, Torre del Greco, Portici, Trecase e Ottaviano) e di valorizzare i siti Minori, i palazzi e le Ville storiche, i percorsi termali, i lidi balneari, il mare, le spiagge della Costa del Vesuvio, la storia, la geologia e la natura dei luoghi del Parco Nazionale del Vesuvio.

Di diffondere le tradizioni dell’arte e dell’artigianato locale nella moderna area mod’art international, l’enogastronomia nella sua peculiarità della dieta Mediterranea Patrimonio Immateriale UNESCO.

 

Le premesse 

  • A tal proposito, l'ideatrice Città Nostra Associazione, ha creato un portale interattivo digitale www.vesuviuscampania.com utile a sostenere la concretizzazione delle azioni di cui al punto precedente, fungendo da Hub tra domanda di eventi culturali, artistici ecc., anche provenienti dal settore turistico ed offerta di attività facenti capo ad operatori artistici, culturali, commerciali e dell’artigianato locale per agevolare le diverse opportunità di intrattenimento rinvenibili in loco;

 

  • Che il portale www.vesuviuscampania.com nasce, pertanto, da una concezione di rete mutualistica e che, nel caso di specie, ha portato il “soggetto” ad assumere un ruolo attivo per il tessuto socio-economico della zona di intervento, al fine di creare le condizioni necessarie a soddisfare alcuni bisogni locali;

 

La piattaforma www.vesuviuscampania.com innovazione tecnologica e marketing territoriale

La piattaforma nasce con l’obiettivo di colmare il gap esistente tra la presenza di un vastissimo e straordinario patrimonio artistico e culturale presente sul territorio vesuviano, che copre tutta l’area litoranea che da Stabia si estende fino a Torre Annunziata ed Ercolano, spingendosi sino alla costa flegrea e l’area vesuviana, e la scarsa comunicazione verso la cittadinanza e i principali stakeholders, tra cui il potenziale turismo.

La mission del progetto è, innanzitutto, quella di fornire una soluzione tecnologica per incrementare la conoscenza della straordinaria varietà di siti di assoluto rilievo artistico, storico ed enogastronomico, oggi ancora poco noti, all’ombra dei tradizionali e battuti percorsi turistici, e diffondere le numerose iniziative ad essi correlate.

A tutto ciò si accompagna l’obiettivo di offrire una piattaforma di gestione integrata per il monitoraggio concreto e reale delle attività legate ai flussi turistici, sia in termini di utilizzo delle infrastrutture proprie del patrimonio, che delle attività commerciali ed enogastronomiche di eccellenza presenti nelle aree interessate, con la capacità di offrire informazioni strategiche per le politiche di crescita e sviluppo economico del territorio. 

Il luogo virtuale che abbatte i confini geografici

La piattaforma è il luogo virtuale nel quale domanda e offerta del territorio si incontrano. Accanto alla offerta tradizionale, dei siti turistici culturali a disposizione, delle strutture ricettive o dei prodotti commerciali, la piattaforma offre la possibilità di gestire un’offerta dinamica, in termini di disponibilità, di prenotazione, di realizzazione di “pacchetti” o “esperienze” - combinazione di più elementi - o dagli eventi, che si realizzano sul territorio, con opportune certificazioni SIAE, lì dove necessarie. 

L’esperienza di acquisto diventa tipicamente on-line, virtuale, da smartphone, attraverso l’uso di voucher digitali, che di fatto rappresentano una nuova e alternativa modalità di pagamento utilizzabile presso le strutture reali sul territorio.

Gli attori protagonisti

L’identità del territorio, rappresentata nella piattaforma web, viene “ospitata” in una APP che diventa il punto di accesso dei “clienti” del territorio, accogliendo tale immagine e corredandola di servizi utili alla sua promozione, attraverso la vendita on-line di voucher digitali, forma alternativa, rapida e sicura di pagamento.

Il visitatore ha immediatamente nel proprio smartphone l’intero pacchetto di offerta del territorio - culturale, archeologica, ricettiva e commerciale – tale modalità gli consente di essere condotto in nuovi percorsi di fruizione del territorio e di esprimere le proprie preferenze di acquisto.

Chi accede all’APP di fatto scopre le risorse del territorio, individua con velocità il percorso che meglio si adatta alle proprie esigenze, con la sensazione di avere un guida virtuale, effettua acquisti/prenotazioni ed accede con facilità ai servizi, ricevendo in tempo reale, attraverso push-notification, informazioni utili.

Otre i “clienti-fruitori” del territorio, che rappresentano la vera domanda, e l’Amministrazione che articola l’identità del territorio attraverso la gestione sapiente della vasta offerta, il concept “Vesuvius Campania Felix” si propone anche ai facilitatori della domanda che, in particolare per l’incoming turistico sono rappresentati da diverse categorie tra le quali: le agenzie, i tour operator, i buyers.

Tale piattaforma è sviluppata in logica cloud computing e si avvale delle più moderne tecniche di Business Intelligence per l'analisi multimediale e puntuale del dato e delle relative dashboard web per la relativa consultazione.

La piattaforma www.vesuviuscampania.com si interfaccerà con il territorio attraverso diversi canali, parte integrante del progetto:

Sistemi di controllo accesso/biglietterie, con capacità di connessione e interscambio dati attraverso canali telematici, dei diversi punti di ingresso alle diverse strutture del patrimonio artistico;

Attività commerciali: attraverso l’utilizzo di supporti di identificazione del cliente (fidelity) utilizzando nei punti vendita strumenti terminali ad hoc non invasivi e con upgrade dell’hardware esistente dove possibile, con impatto minimale.

Gli obbiettivi progettuali

Il concept “Vesuvius Campania Felix” individua quindi strategie di marketing territoriale e turistico a livello nazionale, internazionale ed europeo, promuovendo un piano comune a lungo termine finalizzato alla tutela e alla promozione turistica delle città aree Buffer Zone e dei Beni Italiani Unesco in Campania al fine di percepire:

  1. Il turismo come fonte di dinamismo demografico;
  2. Turismo e occupazione;
  3. Turismo e attività preesistenti;
  4. Effetti del turismo sul sistema sociale delle località di accoglienza.

Di determinare gli effetti:

  1. Il turismo produce reddito per le popolazioni locali;
  2. Stimola la creazione di imprese (nella ricettività, nella ristorazione, nel commercio, nei servizi…);
  3. Concorre ad ammodernare progressivamente l’intero sistema sociale;
  4. Attira capitali ed investimenti esterni;
  5. Migliora la qualità della vita, l’utilizzo delle risorse e i sistemi di trasporto.

Di identificare gli effetti occupazionali:

  1. Diretti: attività che stabiliscono contatti diretti con la clientela (settore alberghiero, ristorazione, bar, sorveglianza delle spiagge, attività di animazione, agenzie di viaggio e di cambio…);
  2. Indiretti: attività per il funzionamento del sistema turistico (fornitori dei beni consumati) o per la realizzazione e manutenzione delle infrastrutture indispensabili;
  3. Indotti: attività che sia nel commercio sia nell’industria provvedono alla fabbricazione e alla vendita dei prodotti destinati allo svago (dalle imbarcazioni da diporto e noleggio, agli articoli sportivi, ai souvenirs…).

Il concept “Vesuvius Campania Felix” nel medio/lungo periodo

La ricerca-azione di comunicazione a monte deve essere la definizione degli obiettivi:

  1. Incremento delle visite turistiche;
  2. Incremento del PIL Turistico;
  3. La scoperta di itinerari meno noti;
  4. L’aumento del tempo di permanenza;
  5. Incremento della forza comunicativa dispiegata da hotel, B&B, case vacanza con i propri strumenti comunicativi;
  6. Incremento del PIL attività commerciali e impresa;
  7. Sviluppo delle risorse naturali, delle potenzialità dei siti archeologici e dell’importanza delle tipicità locali per uno sviluppo dell’economia turistica;
  8. Associarsi e mettere insieme le proprie forze per una comunicazione moderna efficace e di rete.

 

Il concept “Vesuvius Campania Felix” intende creare una partnership con Enti e Imprese, soggetti privati e pubblici operanti in campo turistico e con gli enti di ricerca al fine di sviluppare prodotti e servizi turistici lungo il territorio della regione Campania.
 

Città Nostra promotrice e ideatrice del concept “Vesuvius Campania Felix” e della piattaforma www.vesuviuscampania.com in Protocollo di Intesa con i Comuni di Pompei, Torre Annunziata, Boscoreale, Boscotrecase, Trecase, Ottaviano, Torre del Greco, Ercolano e Portici auspica in un Suo metodo del consenso/adesione per un rapporto di collaborazione e resta a disposizione per ulteriori informazioni.

 

Opera Progettuale Protetta Art. 2575 e 2576 c.c.

Diritto di Paternità art. 20 L.d.A. @Città Nostra Associazione

►Author Project: Per. Ind. Salvatore Graziano C.N.P.I. n. 4794 - Circoscrizione della Corte d'Appello di Napoli - 

 

 

Se sei interessato a conoscere di più sul progetto "Vesuvius Campania Felix" accedi ai contatti, scrivi o telefona.